FILASTROCCA vecchia, vecchia

 

VOLTA  LA  CARTA

La donnina che semina il grano,

volta la carta, si vede il villano.

Il villano che zappa la terra,

volta la carta, si vede la guerra.

La guerra con tanti soldati,

volta la carta , si vede i malati.

I malati con tanto dolore,

volta la carta, si vede il dottore.

Il dottore che fa le ricette,

volta la carta, si vede la gente.

La gente che passa per via

volta la carta, si vede Lucia.

Lucia che fila il lino,

volta la carta, si vede Arlecchino.

Arelcchino che salta e che balla,

volta la carta e c’è la farfalla.

La farfalla che vola sui  fiori,

volta la carta, si vede i signori.

I signori che vanno a braccetto,

volta la carta, si vede il galletto.

Il galletto che fa chicchiricchì!

volta la carta ed io son qui!

 

Buon proseguimento di giornata da

nedda

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

14 risposte a

  1. Negroniglio ha detto:

    sei un amore

  2. mainard ha detto:

    notifico, seppur stanco, il mio rispetto.

  3. soresina ha detto:

    grazie, amici visitarori, dei benevoli commenti. Augur una buona giornata, nedda

  4. NarcissaFlower ha detto:

    “Rubo” il blog a mia figlia.
    Lodevole quel che fai per gli altri e per te, cara Edda.
    La buona Maestra non si dimentica mai!!
    NON stare lontana dal computer.

  5. soresina ha detto:

    Grazie, cara Narcissa,
    sono un po’ in crisi ma spero di riprendermi. Il pc è stato fulminato durante un temporale e ,poiché abito lontana dai centri abitati, c’è voluto tempo per riaverlo funzionante.
    Un abbraccio, nedda

  6. pequinita ha detto:

    il tuo nick è uguale al nome del mio paese..

  7. stranito2000 ha detto:

    Grazie Nedda. Ho aggiunto un link nel mio giovanissimo e inconcludente blog…. ma volta la carta non è stata poi cantata da De Andrè?

  8. anonimo ha detto:

    salve.
    Mi spiegherste questa filastrocca?
    La canzone di De ASndrè è meravigliosa!
    Ma che significa?
    In particolare le ultime strofe?

  9. soresina ha detto:

    Cari amici che avete commentato,
    purtroppo non ricordo e non so ritrovare in quale data l’ho messa sul blog, ma vi dico che è antica, la cantavamo noi da bambine. Se ricordo bene, ho fatto qualche piccolo ritocco di aggiornamento, in quanto certe immagini piuttosto violente ora fanno troppa impressione, d’altra parte una filastrocca, pur lasciando intatto il nocciolo, viene recitata o cantata in vari modi, secondo i luoghi e i tempi.
    Grazie dell’attenzione e l’affettuoso augurio di buona domenica.
    nonna nedda

  10. anonimo ha detto:

    cara Nedda, tu che hai saggezza e bontà, cose rarissime, cosa mi sapresti suggerire ? Ho già passato il mezzo del cammin di nostra vita e mi sento veramente un fallito. Non son riuscito a guadagnare a sufficienza, la mia disistima è molto forte, mi sembra che tutto quello che faccio e tocco si sgretola miseramente tra le mie mani. Hai qualche consiglio per lenire la mia tristezza ? Se non ce l’hai, non fa nulla, ti ringrazio di avermi ascoltato e scusami. Buona notte.

  11. anonimo ha detto:

    ciao nonna, che emozione che ho provato leggendo la filastrocca, la cantavo nei primi anni di supplenza,insieme ai bimbi della materna, è passato qualche tempo ,ma il ricordo è vivissimo grazie per tutto questo ciao ciao buon viaggio stefy

  12. soresina ha detto:

    Caro amico
    non so davvero cosa dirti.
    Sei cos’ giovane ancora, perché dichiararti fallito? Perché non hai guadagnato abbastanza soldi? Che cosa significa?E quanto soldi dovresti aver guadagnato per non sentirti sconfitto?
    E chi lo dice che hai fallito? Tu stesso?
    Ma raramente noi siamo buoni giudici di noi stessi, spesso ci apprezziamo troppo e spesso ci disprezziamo troppo, non conosciamo la giusta
    misura.
    Lo dice un altra persona? E con ragione?
    Qanti interrogativi: scusami, vorre aiutarti, per ora ti dico soltanto: prendi tempo, non dichiararti un fallito, studia una via di fuga da questo atteggiamento di zero stima in te stesso.
    Forse sei depresso?
    Non è una domanda che faccio alla leggera perché so che cosa è la depressione ed una delle sue manifestazioni è un sentimento di disistima e di nullità che blocca qualsiasi sforzo.
    Cerca di stare tranquillo fino a …….domani.
    Riscrivmi, una abbrccio affettuoso da
    nonna nedda

  13. anonimo ha detto:

    Caro amico,ricordati che la vita è bella fatta anche di piccole cose basta saperle apprezzare. Non essere triste guardati attorno e dirai anche tu “Mi illumino d immenso. Ciao Giovanni

  14. anonimo ha detto:

    Grazie Nedda carissima, rileggerò attentamente quello che hai avuto la bontà di scrivermi. Cercavo un pò uno specchio e forse la tua saggezza mi ha aiutato. Rileggerò il tuo scritto con attenzione e gratitudine. Vi sento dentro un buon odore di verità.
    Vi sono momenti nei quali la vita ti prova, ma sono anche quelli grazie ai quali puoi ritrovare la parte più autentica di te stesso e, forse, riuscire a cambiare in meglio.
    Posto che, in ogni caso, bisogna andare avanti, sempre e comunque, su questo stai tranquilla, sono una vecchia roccia, posso un pò essere friabile, ma resto comunque tale.
    Grazie ancora, e scusa se ho rubato un pò del tuo tempo.
    Ringrazio anche te, Giovanni, ma purtroppo non ho più la tua fiducia gioiosa sull’illuminazione alla vista del passaggio dell’uccellino che si posa su un ramo. Grazie comunque della tua testimonianza di fiducia. Chissà, si vedrà.
    Le cose più belle per tutti voi.
    Un abbraccio, cara Nedda.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...