Archivi del mese: maggio 2007

148. Operai e artigiani durante il ventennio Molte brave persone dovettero soffrire prepo-tenze, abusi, discriminazione, specialmente sui luoghi di lavoro. Ilda, che ha lavorato per anni in fabbrica, ne sa qualche cosa. Ver-sò lacrime amare più di una volta, tanto … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 3 commenti

La Befana diventa fascista Ho scritto più sopra che il fascismo era pene-trato dappertutto. A quell’epoca si festeggia-va l’Epifania, una ricorrenza religiosa molto sentita dai credenti: si ricordava la manife-stazione di Gesù Cristo come Dio. Nei presepi apparivano i re … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

46. Le proiezioni dei missionari Fin da bambina ho visto in casa la Rivista “Il missionario”. La figura del missionario rap-presentava il sacerdote che lasciava parenti, amici, la patria per andare molto lontano a predicare la Buona Novella. Periodicamente i … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Il latino in tempo di guerra Quando incontriamo un cattolico anziano di lingua straniera, possiamo recitare insieme il Pater, l’Ave Maria, il Gloria, il Credo perché anche lui, da ragazzo, ha imparato quelle pre-ghiere in latino, oltre che nella sua … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

44. La mia Prima Comunione Il giorno della Prima Comunione ci riunirono, comunicande e comunicandi, nella chiesa par-rocchiale di San Marco. Credo che fossimo due-cento e più, perché era consuetudine che tutti i bambini, arrivati alla seconda classe ele-mentare, passassero … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Il Cappello da Bersagliere “Apriteci le porte, che passano che passano, apriteci le porte, che passano i bersaglieri!” Volava per le strade delle città e dei paesi l’allegro e baldo canto dei soldati che arrivavano di corsa e subito sparivano. … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Le pecorelle della TV Una volta alla TV, tra un programma e l’altro, c’era un intervallo, sempre il solito, sempre uguale, sempre quello, sempre la stessa scena: un prato con le pecore che a testa bassa guardavano l’erba che si … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento